30 ANNI DI WEB: LA RETE RACCONTA LA RETE

WEB DIRETTA sito prova30 anni di Web: la rete racconta la rete [DIRETTA FACEBOOK]

1989-2019

Nel marzo del 1989 un giovane informatico inglese presenta al suo supervisore al CERN di Ginevra una geniale idea per condividere le informazioni. Lui si chiama Tim Berners-Lee e il suo progetto è il World Wide Web. In 30 anni il web, nato da una comunità di ricerca in fisica delle particelle, ha rivoluzionato la quotidianità di milioni di persone cambiando per sempre la società e l’accesso all’informazione.

L’INFN invita le ragazze e i ragazzi delle scuole secondarie a festeggiare questo compleanno insieme collegandosi Il 12 marzo alle ore 11:00 alla diretta Facebook dedicata ai “30 anni di web” e inviando le domande direttamente sul profilo Facebook “INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare” #web30 con:

Antonia Ghiselli, ricercatrice INFN e CNAF

Gaetano Maron, direttore del CNAF

Lorenzo Chiarelli, ricercatore GARR

modererà Matteo Franchini, ricercatore della Sezione INFN di Bologna,  in diretta dal CNAF di Bologna.

 

Per approfondire:

- Video intervista a Fabrizio Gagliardi, GARR TV

- Yes! That's it!, articolo di Asimmetrie, la rivista dell'INFN

 

I ragazzi potranno anche inviare le loro domande su Instagram, caricandole come storie fino al 10 marzo, seguendo le istruzioni riportate di seguito:

DomandeStoria WEB30 sito

RACCONTO COSMICO | BORETTO

racconto cosmico WEB EVENTO BORETTOVenerdì 5 APRILE, alle ore 21:00, al Teatro del Fiume di Boretto (Reggio Emilia), andrà in scena "Racconto Cosmico", una conferenza-spettacolo che, intrecciando dialogo, narrazione per immagini, voce e musica, accompagna il pubblico alla scoperta di alcuni dei più affascinanti misteri della fisica contemporanea. Guidati dal brio di Neri Marcorè, e accompagnati dai disegni animati di Luca Ralli, dalla voce narrante di Elisa Benedetta Marinoni e dal pianoforte di Umberto Petrin, i dialoghi tra i fisici - saranno sul palco, Fernando Ferroni (presidente INFN), Antonio Masiero (vicepresidente INFN) e Viviana Fafone (responsabile nazionale dell'esperimento Virgo) - ripercorrono l’intera evoluzione dell’universo, portando il pubblico a esplorare le frontiere stesse delle nostre conoscenze. Sono tra i protagonisti del racconto: l’origine e l’evoluzione dell’universo, la sua struttura fatta di oggetti visibili e invisibili, la materia oscura e le altissime energie delle particelle accelerate nei grandi acceleratori, la relatività di Einstein e le onde gravitazionali, fino alla straordinaria finestra dell’astronomia gravitazionale, aperta sull’universo dai recenti risultati sulla loro rivelazione.

INFO BIGLIETTI:  Comune di Boretto 0552 963724

THE MOST UNKNOWN | ANTEPRIMA ITALIANA

invito the most unknown sito banner

L’INFN presenta, il prossimo 18 gennaio al Museo della Scienza e della Tecnica Leonardo Da Vinci di Milano, l’anteprima italiana del film documentario “The Most Unknown”, una produzione Motherboard (VICE).

L’originale docu-film attraversa insoliti e straordinari luoghi del mondo, ripercorrendo il viaggio di nove scienziati che, a staffetta, condividono alcune tra le più affascinanti domande aperte sull’universo e la vita.

Saranno presenti in sala per un dialogo con il pubblico al termine della proiezione, Jennifer Macalady, microbiologa della Penn State University e Davide D’Angelo, fisico delle particelle dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, tra i protagonisti del docu-film. Il dibattito sarà moderato dal fisico Gianluca Alimonti, ricercatore della sezione INFN di Milano.

Spaziando tra discipline scientifiche diverse, dalla fisica alle neuroscienze, dalla microbiologia all’astronomia, i nove protagonisti di “The Most Unknown” indagano su alcune promettenti sfide alla frontiera della conoscenza umana, sfidando limiti invalicati, come la natura del tempo, le origini della vita, l'esistenza della vita extraterrestre, le profondità degli oceani, la natura della materia oscura.

Il film si spinge oltre i limiti della narrazione scientifica, introducendo ricercatori di diversa estrazione e nazionalità, per poi metterli a contatto con un nuovo, coinvolgente lavoro in un campo che non avevano mai affrontato in precedenza. Emerge così, oltre a un forte richiamo al valore delle domande prive di risposta, un viaggio profondamente umano sui fondamenti della scoperta, una dichiarazione d’amore per la scienza, i suoi modi, la passione dei suoi protagonisti e il fascino dei luoghi in cui la ricerca scientifica si realizza.

Il viaggio ha inizio in Italia, tra gli affascinanti scorci delle grotte di Frasassi, con la microbiologa Jennifer Macalady, impegnata in studi sui batteri all’origine della vita. Da qui, la staffetta prosegue ai Laboratori del Gran Sasso, i più grandi laboratori sotterranei del mondo, dove, nel silenzio cosmico garantito dalla montagna sovrastante, il ricercatore dell’INFN Davide D’Angelo studia la natura della misteriosa materia oscura che domina il nostro universo.

Diretto dal regista e candidato agli Emmy Peabody Award Ian Cheney (The Search for General Tso, The City Dark) e distribuito nei cinema USA nel 2018, “The Most Unknown” è stato reso possibile grazie a una sovvenzione di Science Sandbox, un'iniziativa di “citizen science” della Fondazione Simons.

- INGRESSO LIBERO FINO A ESAURIMENTO POSTI -

RACCONTO COSMICO | CORREGGIO

locandina Racconto Cosmico provaVenerdì 11 gennaio, alle ore 21:00, al Teatro Asioli di Correggio (Reggio Emilia), andrà in scena "Racconto Cosmico", una conferenza-spettacolo che, intrecciando dialogo, narrazione per immagini, voce e musica, accompagna il pubblico alla scoperta di alcuni dei più affascinanti misteri della fisica contemporanea. Guidati dal brio di Neri Marcorè, e accompagnati dai disegni animati di Luca Ralli e dal pianoforte di Umberto Petrin, i dialoghi tra i fisici - saranno sul palco, Fernando Ferroni (presidente INFN), Antonio Masiero (vicepresidente INFN) e Viviana Fafone (responsabile nazionale dell'esperimento Virgo) - ripercorrono l’intera evoluzione dell’universo, portando il pubblico a esplorare le frontiere stesse delle nostre conoscenze. Sono tra i protagonisti del racconto: l’origine e l’evoluzione dell’universo, la sua struttura fatta di oggetti visibili e invisibili, la materia oscura e le altissime energie delle particelle accelerate nei grandi acceleratori, la relatività di Einstein e le onde gravitazionali, fino alla straordinaria finestra dell’astronomia gravitazionale, aperta sull’universo dai recenti risultati sulla loro rivelazione.

INFO BIGLIETTI

Visioni di Scienza, onde gravitazionali e storie di fotoni: l’INFN e il GSSI a Campus Party Italia

campus party italia 2L’INFN e il GSSI partecipano per la prima volta, con scienziati d’eccezione, all’edizione italiana di Campus Party, il festival internazionale dedicato alla tecnologia, all’innovazione e alla creatività, che apre oggi, 18 luglio, a Milano, rivolto soprattutto ai giovani. Previsti per l’edizione 2018 oltre 4.000 campuseros (i partecipanti di Campus Party che vivranno nel geek camping) e più di 15.000 visitatori giornalieri.

Sarà il presidente dell’INFN, Fernando Ferroni ad aprire, domani 19 luglio alle 15.00, dal Main Stage di Campus Party, la partecipazione INFN al festival, con l’intervento dal titolo “Strategie di viaggio per terre inesplorate: la scienza visionaria”.

Venerdì 20 alle 11.00 sarà la volta di Luca Serafini, ricercatore della sezione INFN di Milano, con un talk dal Palco Science del festival, intitolato “Fotoni: dalle radiografie alle spade Jedi” e dedicato all’impiego scientifico e fantascientifico dei fasci laser. Nella stessa giornata di venerdì 20, salirà sul palco Science di Campus Party, alle 16.00, il rettore del Gran Sasso Science Institute Eugenio Coccia, con “Le onde gravitazionali e lo studio dell’universo oscuro”, un ricco racconto sulla nascita dell’astronomia multimessaggera e la ricerca che guarda al lato oscuro dell’universo.

Chiuderà sabato 21 alle 16.00, Viviana Fafone, ricercatrice dell’esperimento Virgo, protagonista della prima rivelazione di onde gravitazionali, che dal palco Science di Campus party racconterà “La scoperta delle onde gravitazionali”. Per tutta la durata del festival inoltre (18-22 luglio), Lorenzo Caccianiga, ricercatore della sezione INFN di Milano, condurrà il workshop “Reasearch Similator”, un laboratorio ludico sul metodo scientifico, basato sulla soluzione di un mistero scientifico, con l’uso di intuito, spirito d'osservazione, capacità di pensare fuori dagli schemi e metodo.

Page 2 of 4