Roma: National Geographic Festival delle Scienze

Stampa

cambiamentoDall’11 al 14 maggio si svolgerà a Roma il National Geographic Festival delle Scienze di Roma realizzato quest’anno con la partnership scientifica dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dell’Agenzia Spaziale Staliana e in programma all’Auditorium Parco della Musica.

Al festival, dedicato quest’anno al tema del Cambiamento l’Infn partecipa con tanti appuntamenti: due eventi serali, una conferenza spettacolo e un allestimento multimediale a cartoon dedicato alla storia dell’universo. Tutti i biglietti sono acquistabili al costo di 3 euro www.ticketone.it; o telefonando al numero 892.101 Programma e info su: www.auditorium.com  

Sabato 13 maggio alle ore 21, THE JACKAL & THE PRESIDENTS, sala Sinopoli

Dialogo irriverente sull’universo e la vita extraterrestre Evento realizzato da INFN e ASI con: The Jackal Roberto Battiston, presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana Fernando Ferroni, presidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare L’universo e l’esplorazione spaziale come punti d’incontro tra fantascienza, ricerca scientifica e comicità. Il duo napoletano “The Jackal”, diventato famoso grazie ai suoi video esilaranti.A confrontarsi con loro, in un incontro tra scienza, education and entertainment, il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston e il Presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Fernando Ferroni.

Biglietti e info: www.auditorium.com


Domenica 14 maggio alle ore 18:00, CONOSCERE L’UNIVERSO, ESPLORARE IL CORPO UMANO, sala Sinopoli

La fisica che cambia la medicina Conferenza spettacolo realizzata con Assobiomedica Un dialogo in tre atti sul legame che dagli albori della scienza moderna unisce l’esplorazione del cosmo e quella della materia di cui siamo fatti. Musica, brevi documentari, video-scenografie e letture condurranno alla scoperta di come la ricerca sui costituenti elementari della materia abbia portato allo sviluppo di strumenti sempre più potenti, utili a esplorare e curare il nostro corpo e a comprendere l’intreccio di miliardi di connessioni neuronali che costituiscono il nostro cervello. Un filo sottile fatto di aneddoti guiderà alla scoperta del percorso imprevedibile che ha portato allo sviluppo delle tecnologie che oggi usiamo per ottenere immagini del nostro corpo, aprendo le porte a una nuova idea di prevenzione e di cura in medicina.
L’evento è realizzato in connessione con la mostra “Uomo Virtuale, la fisica esplora il corpo”, Pisa Palazzo Blu, 22 marzo – 2 luglio.

Con:
Marco Durante, direttore del TIFPA di Trento, esperto di protonterapia.

Antonio Zoccoli, membro della giunta esecutiva INFN, fisico dell’esperimento ATLAS al CERN.

Luca Ravagnan, ceo di WISE

Modera: Silvia Bencivelli, giornalista scientifica Biglietti e info: www.auditorium.com

 

Domenica 14 maggio alle ore 21.30,  1927 - MONOLOGO QUANTISTICO, sala Sinopoli

Una produzione Teatro Menotti di Milano in collaborazione con INFN

Di e con: Gabriella Greison, Regia di: Emilio Russo

Prima rappresentazione teatrale sul ritrovo, a Bruxelles, dei fisici che nel XX secolo hanno portato alla nascita della Fisica Quantistica. Gabriella Greison racconta, con foto, musica e video, i fatti più sconvolgenti, misteriosi, divertenti, umani che hanno fatto nascere la Fisica Quantistica, partendo dalla famosa foto, datata 1927, in cui sono ritratti in posa 29 uomini, quasi tutti fisici, di cui 17 erano o sarebbero diventati Premi Nobel. Con il supporto di immagini, video e scenografie, Gabriella Greison ricostruisce i dialoghi, le serate, i dibattiti, dopo un lungo soggiorno a Bruxelles, in cui ha raccolto informazioni, tradotto lettere, parlato con persone e parenti presenti a quei ritrovi, che Einstein chiamava “witches’ Sabbath” (il riposo delle streghe).

 

ALLESTIMENTO MULTIMEDIALE-Luce, Materia e Gravità: fisica da Cartoon, Sala Ospiti, 10-18 (ogni 10 minuti)

La storia dell’Universo nei disegni di Luca Ralli e la voce di Maria Giulia Scarcella

 Se l’intera volta celeste fosse in realtà l’immagine di un universo passato? E se da qualche parte esistesse, insieme al nostro universo, un antiuniverso uguale e “contrario”? Che cosa accadrebbe se potessimo spingerci a velocità vicine a quella della luce? Che cosa sono la gravità e quella parte di Universo che non riusciamo a vedere e che per questo chiamiamo oscuro? Nei disegni di Luca Ralli, il racconto di come, risalendo fino alla nascita dell’universo, sappiamo trovare risposta ai misteri più affascinanti sulla sua struttura, la sua storia e la sua evoluzione.

A cura di: INFN Ufficio Comunicazione Disegni animati: Luca Ralli Voce: Maria Giulia Scarcella