• slide1.jpg
  • slide2.jpg
  • slide3.jpg
  • slide4.jpg
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
Info
Istituto Nazionale di Fisica Nucleare

ALL’ISOLA DI EINSTEIN L’UNIVERSO VA DI SCENA SU NOTE JAZZ

polveseA cento anni dalla formulazione della Teoria della Relatività Generale è sempre più vivo il fascino delle domane che ci interrogano sulla natura dello spazio e del tempo, sulle origini dell'universo e sul suo destino. All'isola di Einstein, la manifestazione sul lago Trasimeno dedicata principalmente al giovane pubblico e in cui la scienza si fa divertimento, se ne parla con la ricchezza di contenuti della fisica e, nel contempo, con i toni leggeri del cabaret, in un dialogo tra il presidente dell’INFN Fernando Ferroni e la popolare cabarettista e conduttrice televisiva Syusy Blady. Ad accompagnare i due protagonisti saranno le note di “Piano solo” di Giovanni Guidi, un concerto dal vivo sotto le stelle di uno dei pianisti più interessanti e originali della scena italiana con la sua musica che colpisce per originalità ed emotività. L’Isola di Einstein va in scena sull’isola Polvese dal 4 al 6 settembre: è un evento realizzato da Psiquadro, unico nel suo genere, che conta tra i suoi protagonisti scienziati, artisti e ospiti internazionali. In programma 50 divertenti show per coinvolgere famiglie, bambini, studenti e curiosi di tutte l'età alla scoperta della scienza.

Il gusto dell'Universo

gusto miStoria cosmica in tre portate

 

Un evento dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare nell'ambito del calendario di Expo in Città

25 settembre 2015 ore 21.00 EXPO GATE - Spazio Sforza

 

Uno show semiserio a base di invenzioni culinarie per parlare di fisica e di universo, in cui lo chef a due stelle Michelin Moreno Cedroni presenterà, eseguendone la preparazione dal vivo, alcune sue originali creazioni, ispirate al fascino delle più recenti scoperte della fisica. Durante la serata sarà così possibile assaggiare la mousse alla materia oscura o le scorzette del bosone di Higgs. Ma se il vostro palato non bastasse a farvi gustare le idee dei fisici, il presidente INFN Fernando Ferroni, fisico e appassionato di cucina, vi racconterà cosa sappiamo e quanto invece ancora ignoriamo del nostro universo. E si presterà a giocare con le interpretazioni culinarie della fisica, spiegandovi perché i fisici sono sempre anche un po’ cuochi. Il tutto condito dall’ironia di un conduttore d’eccezione: Neri Marcorè.

 

MEET LHC A PADOVA

Un evento e un’installazione celebrano il contributo dei ricercatori italiani al CERN di Ginevra, al suo superacceleratore LHC e alla scoperta del bosone di Higgs.

Forse non tutti i Padovani sanno che gli scienziati della loro città hanno contribuito in modo determinante all’avventura del superacceleratore LHC del CERN di Ginevra e alla scoperta del bosone di Higgs.
Per offrire a tutti l’opportunità di conoscere la storia di questo successo della scienza, la Sezione di Padova dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), assieme al Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Università degli Studi di Padova, con il Patrocinio del Comune, ha organizzato, il 17 aprile alle ore 18.00 in Sala degli Anziani a Palazzo Moroni, un incontro a più voci dedicato al grande pubblico.

A ROMA LA SCIENZA VA AL MERCATO

mercato catania

L’Osservatorio ‘’Scienza per la Società” del Municipio II ed il DSU-CNR organizzano la manifestazione “La scienza tra i banchi del mercato” a cui l’INFN aderisce portando la fisica delle particelle tra i banchi dei mercati Rionali di Roma. In mostra componenti di alta tecnologia provenienti da rivelatori di particelle e un’istallazione interattiva dedicata al bosone di Higgs.

L’appuntamento è per sabato 11 aprile 2015, dalle ore 10.30 alle 12.30, al mercato Italia di via Catania con il fisico Francesco Gatti dei Laboratori Nazionali di Frascati e per sabato 18 aprile al mercato Belsito di piazza Mazzaresi nel quartiere Balduina.

 

Il progetto sarà presentato alla Biennale dello Spazio Pubblico - (www.biennalespaziopubblico.it)

link: http://www.comune.roma.it/wps/portal/

MEET LHC AL FESTIVAL DELL'ASTRONOMIA E DELL'ESPLORAZIONE

Sotto il cielo stellato del Festival dell'Astronomia e dell'Esplorazione, la bellissima piazzetta Palombo di Campobasso è il fulcro della narrazione di una storia davvero appassionante: quella del contributo che il nostro Paese con l'INFN ha dato al CERN di Ginevra. Tutto è ben scandito e illustrato dall'installazione Meet Lhc. 60 anni di Italia al CERN dell'INFN, che è in mostra fino al 22 aprile al centro della splendida piazza campobassana. Sta destando la curiosità dei passanti e attirando gli appassionati di fisica questa specie di scultura d'arte contemporanea con la quale, attraverso una mostra itinerante, l'INFN, celebra 60 anni di collaborazione dell’Italia con il CERN, il più grande laboratorio di fisica delle particelle del mondo. Attraverso un percorso fotografico, l'installazione racconta la storia del laboratorio nei pressi di Ginevra, evidenziando il contributo che l’Italia, grazie all’INFN, ha fornito per il raggiungimento dei suoi successi. Tra gli oggetti esposti un componente originale del superacceleratore LHC, riacceso domenica 5 aprile, dopo due anni di stop per i lavori di consolidamento che ne hanno potenziato le prestazioni, ora quasi raddoppiate. Al centro della piazza si parlerà di tutto questo, alla presenza di esperti e appassionati. Sarà, infatti, Francesco Conventi, ricercatore della sezione INFN di Napoli e all'Università Parthenope, a raccontare venrdì 10 aprile la grande avventura dell'Italia al CERN e a la lunga caccia al bosone di Higgs. Mentre giovedì 30 aprile Pasquale Di Nezza, ricercatore dei Laboratori Nazionali di Frascati dell'INFN, spiegherà al pubblico come i fisici riescono a esplorare la materia per mezzo degli acceleratori di particelle.

LE PARTICELLE PROTAGONISTE A ORVIETOSCIENZA

L’INFN parteciperà con le sue ricerche e i suoi scienziati all’edizione 2015 di OrvietoScienza "Democrito aveva ragione?", che si svolgerà venerdì 27 e sabato 28 febbraio nel Palazzo del Capitano del Popolo di Orvieto. Nel corso della manifestazione, che coinvolge 400 studenti degli istituti superiori ed è orientata alla diffusione della cultura scientifica nella scuola, si parlerà di fisica delle particelle, fisica nucleare e fisica delle astroparticelle. Ma anche delle ricadute tecnologiche che derivano da queste ricerche e del loro impatto sulla società e sull’economia.
Ad accogliere tutti i partecipanti alla manifestazione sarà, in piazza della Repubblica, l’installazione Meet LHC. 60 anni di Italia al Cern, un percorso fotografico ideato dall'INFN per raccontare il contributo del nostro paese al più grande laboratorio di fisica delle particelle del mondo. Il ricco programma di OrvietoScienza 2015 prevede tavole rotonde, esposizioni, premi, rappresentazioni e proiezioni e soprattutto la partecipazione attiva degli studenti.

 

 

FISICA IN JAZZ AL MUSE

Saranno due nomi d’eccezione del panorama jazz internazionale come Paolo Fresu e Gianluca Petrella, i protagonisti insieme al direttore del Gran Sasso Science Institute Eugenio Coccia di Not(t)e al MUSE: un evento-spettacolo organizzato da MUSE e INFN mercoledì 10 dicembre alle 20.45 al Museo della Scienza di Trento. Il duo darà vita, in anteprima assoluta, a un’avventura musicale nel segno della creatività e della contaminazione fra saperi. La tecnica, la raffinata ricerca sul suono, l’emozione della musica si accosteranno per una notte in modo inedito al mondo della scienza. Gli interventi musicali si intrecceranno inoltre con i racconti divulgativi di Eugenio Coccia su alcuni grandi temi della Fisica e della ricerca contemporanea: le onde gravitazionali, la materia e l’energia oscura, le teorie sull’origine dell’Universo e il Big Bang. E a partire da queste suggestioni prenderanno vita le improvvisazioni jazz di Fresu e Petrella in un dialogo originale che promette sorprese ed emozioni. L’evento è il primo di una serie di eventi che accompagnano la mostra ‘Oltre il limite – Viaggio ai confini della conoscenza’ promossa da MUSE e INFN, nel segno di un innovativo e fertile incontro tra i racconti della scienza e i linguaggi dell’arte. (v.n.)

Guarda il trailer dell’evento qui.  Altre info su www.muse.it

L’INFN AL FESTIVAL DELLA SCIENZA DI GENOVA

genova tempo24 ottobre – 2 novembre 2014

 

Da un’installazione che celebrerà i 60 anni del CERN (vd. link) in piazza de’ Ferrari alle conferenze sul “tempo”, sono numerosissime le iniziative dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) al Festival della Scienza di Genova di quest’anno, dedicato al Tempo.

A cominciare, il 24 ottobre, durante la serata inaugurale, sarà proiettato in anteprima in Italia il film La particella di Dio, con la presenza del presidente dell’INFN, Fernando Ferroni, che introdurrà il docu-film e lo commenterà con il pubblico.