EXTREME - mostra permanente al MUST di Milano

extreme 1 ita

"EXTREME. Alla ricerca delle particelle” è l’esposizione permanente progettata e realizzata dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci in partnership con CERN – Organizzazione europea per la ricerca nucleare e INFN - Istituto Nazionale d i Fisica Nucleare e dedicata alla fisica delle particelle, agli strumenti e ai professionisti che operano in questo campo.

 

Il racconto espositivo parte dal concetto di traccia, intesa come l’elemento che permette di riconoscere e ricostruire un evento che non è possibile osservare direttamente. Come molte altre discipline scientifiche – dall’archeologia alle scienze forensi – anche la fisica delle particelle si basa sull’osservazione delle tracce.

Il percorso prosegue con gli strumenti utilizzati dai fisici per trovare le tracce delle particelle, i rivelatori. Attraverso l’esperienza in prima persona, l’esposizione permette di sperimentare il “silenzio cosmico” inseguito dai ricercatori sott’acqua o sotto terra, luoghi estremi in cui spesso gli esperimenti portano a posizionare i rivelatori. Un’area racconta anche la quotidianità dei fisici, degli ingegneri e dei tecnici che lavorano agli esperimenti.

Tre diverse installazioni interattive presentano lo stato attuale di conoscenza delle particelle subatomiche e due temi ancora oggetto di studio e dibattito: l’esistenza della materia oscura e di extradimensioni. Una parte rilevante dell’esposizione è dedicata agli acceleratori, gli strumenti che permettono, facendo collidere le particelle a energie sempre maggiori, di creare nuove particelle e nuove tracce da esplorare. In quest’area è protagonista LHC, il grande anello acceleratore attualmente in uso al CERN.

Extreme – leggi l’approfondimento

Extreme – galleria immagini

 

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci

Dove siamo: Ingresso Via San Vittore 21 - 20123 Milano

Orario estivo (fino a domenica 11 settembre): da martedì a venerdì 10-18 | sabato e festivi 10-19.

Orario invernale (dal 12 settembre): da martedì a venerdì 9.30-17 | sabato e festivi 9.30-18.30

Biglietti d’ingresso intero 10,00 € | ridotto 7,50 € per giovani sotto i 25 anni; adulti accompagnatori (max 2 persone) dei minori di 14 anni; persone oltre i 65 anni; gruppi di almeno 10 persone; docenti delle scuole statali e non statali; convenzioni | speciale 4,50 € per gruppi di studenti accompagnati dall’insegnante previa prenotazione. Ingresso gratuito per: visitatori disabili e accompagnatore, bambini sotto i 3 anni, giornalisti solo previo accredito dell'Ufficio Stampa o presentazione del tesserino dell'Ordine dei Giornalisti in corso di validità e compilando il form di accredito.

Programma membership card: alla biglietteria sono in vendita 3 tipologie di card per l'accesso gratuito e illimitato al Museo in compagnia di una persona a scelta o della famiglia.

Biglietti online Sul sito del Museo è possibile acquistare il biglietto d’ingresso al Museo – intero o ridotto, il biglietto per il sottomarino Enrico Toti e per il simulatore di volo in elicottero.

MUST Shop: da martedì a domenica, dalle 10 alle 19; lunedì chiuso.

www.museoscienza.org | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | T 02 48 555 1

Social media Facebook: facebook.com/museoscienza

Twitter: @Museoscienza Instagram: museoscienza Youtube: youtube.com/museoscienza

Apertura al pubblico da mercoledì 13 luglio 2016 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci Via San Vittore 21 – Milano L’ingresso all’esposizione è compreso nel biglietto del Museo

BALLE DI SCIENZA

>> 25 febbraio - 29 maggio 2016, Catania, città della scienza

balle scienza copertina1BALLE DI SCIENZA

Storie di errori prima e dopo Galileo

Torna a Catania la mostra "Balle di Scienza", con un a nuova edizione dopo il successo pisano della primavera 2014. La mostra vi racconterà come gli errori accompagnano inevitabilmente il desiderio dell’uomo di conoscere: grandi scoperte – fatte qualche volta anche per caso – si intrecciano con clamorose sviste. Gli scienziati infatti portano in laboratorio, ed è difficile fare altrimenti, le proprie convinzioni religiose, filosofiche e culturali. In realtà, però, correggere i propri errori è l’essenza stessa del metodo scientifico, inaugurato da Galileo più di 400 anni fa. Ciò che conta è non perdere meraviglia e curiosità di fronte al mondo. Sbagliarsi fa parte del gioco.

 

 

MEET LHC - 60 anni di Italia al CERN

Bologna, 23 ottobre - 23 novembre 2015

un’installazione dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN)

 

Meet LhcPer festeggiare i 60 anni dalla nascita del CERN, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), in collaborazione con il CERN, ha ideato un'esposizione itinerante: MEET LHC - 60 anni di Italia al CERN. Attraverso un percorso fotografico, l'installazione racconta la storia del prestigioso laboratorio nei pressi di Ginevra (Svizzera), mettendo l’accento sull’importante contributo che l’Italia, grazie all’INFN, ha fornito per il raggiungimento dei suoi successi. Tra gli oggetti esposti anche un componente originale del superacceleratore LHC.

OLTRE IL LIMITE

oltreMUSE, Trento, 8 Novembre – Giugno 2015

 

Promossa dal Muse e dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, con la partecipazione dell’Agenzia Spaziale Italiana e con la collaborazione dell'Università di Trento e della Fondazione Bruno Kessler.

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, la mostra ha ottenuto il Patrocinio della Provincia autonoma di Trento, del Comune di Trento e dell’Agenzia Spaziale Italiana.

BRUNO PONTECORVO - A CENTO ANNI DALLA NASCITA

pontecorvo mostra pisa>> Dal 9 novembre al 22 dicembre 2013

La Limonaia Vicolo del Ruschi 4, Pisa

Raccontare il ricordo della vita complessa ed inquieta di Bruno Pontecorvo e descrivere i suoi numerosi contributi alla fisica, sono alcuni degli obiettivi della Mostra "Bruno Pontecorvo - A cento anni dalla nascita." Uno dei maggiori fisici del XX secolo, Bruno Pontecorvo nasceva infatti un secolo fa a Marina di Pisa, divenendo poi nel 1952 cittadino sovietico con il nome di Bruno Maksimovic. Seguendone le opere ed il pensiero, al di là della avventurosa cronologia, la mostra offre più di uno spunto e suggerimento di riflessione al pubblico, che si pone problemi sull’etica dello scienziato e che cerca risposte alla propria curiosità sulla scienza. I pannelli che raccontano la storia di Pontecorvo e della sua famiglia sono accompagnati da numerosi monitor dove scorrono immagini e filmati d’epoca. Alla fine del percorso è posta una sezione di approfondimento con lo scopo di far comprendere l’attualità della ricerca e delle idee dello scienziato Pontecorvo.

pieghevole in pdfpdf logo

per info http://www.lalimonaia.pisa.it/