IL MITO DELLA VELOCITÀ

>>  19 febbraio-18 maggio 2008 ROMA Palazzo dell'Esposizioni


È una velocità invisibile e persino difficile da immaginare quella delle particelle nei grandi acceleratori o delle informazioni che viaggiano veloci nelle reti di calcolo. Ma è proprio questa ad essere protagonista del percorso scientifico realizzato dall’Infn nella mostra “Il mito della velocità. Arte, motori e società nell’Italia del ‘900” A segnarne le tappe i contributi italiani alla fisica dei raggi cosmici e del nucleo, la realizzazione di Ada, il primo collisore al mondo di materia e antimateria e della CEP, primo calcolatore italiano. Per concludere con la velocità del futuro, quella del Large Hadron Collider (Lhc) di Ginevra e della rete Grid.

 

 

 

 

 


 

Per qualsiasi ulteriore informazione, contattare:
Ufficio Comunicazione Infn
P.zza dei Caprettari, 70 - 00186 Roma - Tel: 06 6868162 - Fax: 06 68307944
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.