Dark Matter Day 2020 | Alla ricerca della Materia Oscura

banner eventi DMDSabato 31 ottobre alle 11:00 festeggia il Dark Matter Day, la giornata della Materia Oscura, seguendo la nostra Diretta su Facebook e Youtube.

🌌 Che cos'è la Materia Oscura?
Tanti esperimenti stanno cercando di rispondere a questo enigma! Durante questa diretta, ne scopriremo alcuni con l'aiuto di 6 ricercatori e di 👨‍🚀 un astronauta, Luca Parmitano.

In diretta interverranno:
- Caterina Braggio, ricercatrice dell'Università degli Studi di Padova e dell'INFN, che ci racconterà come la ricerca sui qubit, l'unità di base di un computer quantistico, possa svolgere un ruolo centrale nella rilevazione delle particelle di materia oscura.
- Andrea Celentano, ricercatore presso la Sezione INFN di Genova, è l’ideatore dell'esperimento POKER, che ricerca la materia oscura leggera.
- Pietro Di Gangi, ricercatore presso la Sezione INFN di Bologna, lavora su XENON, un esperimento installato presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell'INFN che cerca le WIMP, ipotetiche particelle che potrebbero costituire la Materia Oscura.
- Federica Giacchino, ricercatrice presso i Laboratori Nazionali di Frascati dell'INFN, lavora sull'esperimento PADME, che dà la caccia al fotone oscuro.

Il racconto sarà arrichito da:
- Luca Parmitano, astronauta dell'ESA che ha lavorato sull'esperimento AMS a bordo della International Space Station.
- Matteo Duranti, ricercatore della Sezione INFN di Perugia che lavora all'esperimento AMS.
- Federico Gabriele, ricercatore INFN che lavora all'esperimento Dark Side ai Laboratori Nazionali del Gran Sasso.

Durante la diretta, moderata da Matteo Massicci (Ufficio Comunicazione INFN), i ricercatori risponderanno alle vostre domande e curiosità.

Per seguirci, basterà cliccare qui per vedere la diretta su YouTube o qui per vederla su Facebook.

Sei una studentessa o uno studente? Inviaci le tue domande, specificando qual è la tua scuola, e partecipa alla diretta!

Sei un docente? Invita i tuoi studenti a seguirci da scuola o da casa e segnalalo a colleghi che potrebbero essere interessati.