pnrrSono oltre 150 le posizioni lavorative dedicate a tecnologi e tecnologhe e collaboratori tecnici e collaboratrici tecniche che saranno bandite dall’INFN, nell’ambito dei progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), rivolti alla ricerca scientifica di base e allo sviluppo di tecnologie innovative.

L’INFN cerca diplomate e diplomati di scuola superiore e ITS per 60 posizioni da collaboratrice tecnica e collaboratore tecnico con formazione nel campo della meccanica di precisione, dell’elettronica, dell’elettrotecnica e del calcolo. Cerchiamo anche laureate e laureati magistrali in fisica, ingegneria e altre discipline tecnico-scientifiche per 95 posizioni da tecnologa e tecnologo con competenze di meccanica, sistemi di alto vuoto, sistemi criogenici, elettronica, elettrotecnica, rivelatori e acceleratori di particelle. Sono anche richieste competenze su laser di potenza e sistemi ottici. Tra queste, un numero cospicuo di posizioni è dedicato al calcolo sistemistico e per lo sviluppo di software innovativo e sistemi di intelligenza artificiale.

I candidati e le candidate selezionati/e saranno coinvolti/e in progetti altamente innovativi e creativi nei campi della fisica delle particelle elementari, dell’astrofisica, della fisica delle onde gravitazionali e in molti aspetti di fisica applicata che includono la superconduttività, la fisica medica, lo sviluppo di tecniche innovative di accelerazione di particelle e il calcolo quantistico.

I contratti, con una durata variabile compresa tra i 24 e i 30 mesi, saranno assegnati tramite appositi bandi, disponibili dopo l’estate sul sito Jobs INFN all’interno della pagina dei concorsi a tempo determinato (questo il link diretto alla pagina). Le sedi di lavoro sono distribuite su tutto il territorio nazionale. Come previsto dai bandi PNRR, una particolare attenzione sarà riservata al Sud Italia, dove si collocheranno il 40% dei bandi, e sarà inoltre promossa e sostenuta la partecipazione femminile grazie anche al 40% dei contratti riservati alle donne.

Sempre in linea con le indicazioni fornite dal PNRR e per non disperdere le competenze acquisite, intento dell’INFN è bandire, a partire dal 2026, un numero di contratti a tempo indeterminato pari ad almeno il 40% del numero di posizioni a tempo determinato.

Un’importante opportunità per la formazione e la crescita delle giovani carriere, per costruire assieme il futuro della ricerca scientifica, lavorando in grandi progetti nazionali e internazionali.

L’INFN è l’Ente Pubblico nazionale di Ricerca dedicato allo studio dei costituenti fondamentali della materia e delle loro interazioni. Svolge attività di ricerca, teorica e sperimentale, nei campi della fisica subnucleare, nucleare e astroparticellare in un contesto di competizione internazionale. Le attività di ricerca dell’INFN si svolgono presso 27 sedi distribuite su tutto il territorio nazionale. La ricerca fondamentale in questi settori richiede l’uso di tecnologie e strumenti di ricerca d’avanguardia che l’INFN sviluppa sia nei propri laboratori sia in collaborazione con il mondo dell’industria.